Accedi
Posta Alunni
LIBERAMENTE PIC
Da francesca • venerdì, 3 Ottobre 2014
A.F.4 DIARIO2
DSC_0059 IMG_3094

                                                                                                             Settembre, ’14

Cara Anne,

mi chiamo…, sono una ragazzina di tredici anni e vivo in un piccolo paese conosciuto come Majano (FVG). Ti scrivo dal futuro, dall’anno 2014. Hai presente il tuo diario segreto che ti regalarono i tuoi genitori per il compleanno ?!?! ….. Ecco, proprio quel diario, proprio il tuo diario è stato pubblicato in tutto il mondo!!! Immagino che tu non abbia capito quello che ti ho detto così ti spiegherò “a grandi linee” cos’è successo dopo la tua morte. Successivamente alla deportazione nel campo di concentramento di Bergen-Belsen, i soldati vi hanno divisi e tu sei capitata in gruppo con tua sorella. Verso la fine di febbraio e gli inizi di marzo del 1945 tua sorella Margot è venuta a mancare e tu con lei. L’otto Marzo 1945 ci fu la liberazione da parte dei russi e degli americani, di tutti prigionieri ancora vivi nei campi di concentramento. Tra i sopravvissuti c’era tuo padre, il quale fece ritorno all’alloggio segreto, dove gli consegnarono il TUO DIARIO. Tuo padre passò il resto della sua vita  a lottare contro il razzismo.

Quest’estate ho avuto il privilegio di leggere il tuo scritto e mi è piaciuto moltissimo. Mi ha colpito come affrontavi la vita, ho sorriso quando parlavi del tuo innamoramento, del tuo crescere all’interno di una famiglia che ti amava.. Anch’io mi sono innamorata, anche più di una volta, ma la differenza tra te e me è che io posso vivere serenamente questo sentimento, mentre tu non lo hai potuto fare. Spesso mi chiedo quali sono state le tue emozioni quando i soldati nazisti vi hanno scoperto, o come ti sentivi nel campo di concentramento? Non posso nemmeno immaginare la tua angoscia.

 

Sabato 20 settembre assieme alla mia classe, ho assistito ad un balletto al teatro Verdi di Trieste dedicato esclusivamente a te. Che emozione ….la musica, i movimenti e le coreografie mi hanno fatto ritornare a tutto ciò che racconti alla tua Kitti e indirettamente a tutti coloro che leggono il tuo diario.

Lascia un commento