Accedi
Posta Alunni
LIBERAMENTE PIC
Da francesca • domenica, 16 Marzo 2014

Il gatto si era da poco ripreso dallo shock procuratogli dalla nonna che il suo amato padrone lo aveva già riportato al parco per farlo un po’ dimagrire. Per fortuna lì stavano riposando tranquilli su una panchina.

«Pereppepè»il prof Trombetta estrasse il suo cellulare di ultima generazione dalla tasca destra della sua giacca rossa. Voleva rispondere, ma non riusciva a trovare i tasti.

“Ma dove sono i tasti? Eppure quando l’ho comprato c’erano, ma dove sono finiti?»

Girò e rigirò il telefono ma niente, erano misteriosamente spariti nel nulla:«Pereppepè! Pereppepè!» Il marchingegno continuava a tormentarlo, ma non riusciva a raccapezzarsi. Si sedette avvilito nel piccolo parco dove stava camminando. Trombone gli saltò faticosamente in braccio, appoggiò lentamente il naso sull’oggetto e si udì la voce stridula di Lucilla. Il gatto graffiò il prof Trombetta che afferrò il telefono e rispose:« Pronto, biscottino mio, dimmi tutto.»

«Pino!! Muoviti e torna a casa!! Tuo figlio Violino ha una notizia per te!!! Ah, porta a casa anche quel sacco di pulci!!!»

Il povero Prof Trombetta si accorse che la consorte aveva riattaccato. Guardò a lungo l’ambaradan, cercò come il gatto di spegnerlo col naso, ma una voce metallica risuonò nell’aria:«Sono le 9:30, è ora di alzarsi». Il povero uomo sconsolato decise di farsi aiutare dal suo collaboratore che con una leggera zampata spense il trabiccolo.

«Quest’ uomo è veramente un tonto per natura».

Il professore ripose il fastidiosissimo arnese nella tasca della giacca, si avviò verso casa, ma sentì resistenza da parte del guinzaglio. Si girò e notò che Trombone stava leccando i chewin-gun appiccicati sotto la panchina.

Vedendo questo orrore, prese guanti e liquido igienizante e iniziò il trattamento sul gatto: spruzzò abbondante liquido sul corpo dell’animale facendo diventare il pelo più chiaro.

Sollevò poi Trombone con fatica e si avviò verso casa.

Pubblicato in Categorie: SCRITTORI IN ERBA5 Commenti

5 risposte a “TROMBETTA AL PARCO (cap. 5)”

  1. canest ha detto:

    Che belli questi testi!
    Complimenti!!!!
    🙂 🙂 🙂
    😀 😀 😀
    😛 😛 😛

Lascia un commento