Accedi
Posta Alunni
LIBERAMENTE PIC
Da francesca • lunedì, 9 Marzo 2015
cormorano I CORMORANI, chiamati anche Marangoni, dal becco lungo e ricurvo, si riconoscono per le considerevoli dimensioni e le tinte prevalentemente nere del piumaggio. Sono visibili mentre stanno posati, spesso ad ali aperte per asciugare il piumaggio, sulle “bricole” che segnano il bordo dei canali navigabili. 
airone cinerinojpg L’AIRONE CINERINO, di notevoli dimensioni, raggiunge da adulto una statura di 90-98 centimetri e un peso compreso tra 1020 e 2073 grammi. L’apertura alare può facilmente raggiungere 1,70 metri. Il piumaggio è di colore grigio sulla parte superiore e bianco in quella inferiore. Le zampe e il becco sono gialli.
airone rosso L’AIRONE ROSSO, è leggermente più piccolo dell’airone cinerino. Si nutre di pesci, anfibi e insetti. Di solito è attivo al tramonto e all’alba. Si può nutrire anche di crostacei e molluschi e occasionalmente mangia piccoli mammjferi, serpenti e lucertole. Può vivere anche più di 20 anni.
beccaccino  I BECCACCINI, sono uccelli molto presenti nell’oasi, soprattutto nei terreni melmosi dove, con il loro lungo becco, sono intenti a penetrare il fango per procurarsi i vermi.
germano realejpg  Tra le anatre di superficie (cioè quelle che non si immergono completamente) ricordiamo il notissimo GERMANO REALE, il CODONE, il FISCHIONE, la MARZAIOLA.
quattrocchi  Tra le anatre tuffatrici ricordiamo il QUATTROCCHI, riconoscibile per le macchie bianche presenti sul capo.
falco di palude  I FALCHI DI PALUDE, sono rapaci che volano appena pochi centimetri sopra le canne, pronti a gettarsi su qualsiasi animale che non sia abbastanza veloce da nascondersi o robusto da difendersi; sono presenti in tutte le stagioni ed è facile osservarli.
ocaselvatica  LE OCHE, le tre specie presenti sono:
le oche selvatiche dal becco rosa,
le oche granaiole dal becco nero con uno spazio arancio nel mezzo,
le oche lombardelle dalla fronte bianca.
ocagranaiola  Compaiono nei mesi più freddi, formando spesso branchi di 300-400 individui; generalmente trascorrono la notte sulle velme, al sicuro da ogni insidia, per recarsi di giorno nei campi dove si nutrono di vegetali.

 

FAUNA

 

Pubblicato in Materie: GEOGRAFIA IN CLASSE 1Lascia un commento

Lascia un commento